Azioni MPS: a quando il ritorno in Borsa? Consob: riammissione non immediata

icon calendar icon person
Azioni MPS: a quando il ritorno in Borsa? Consob: riammissione non immediata

A guardo il ritorno delle azioni MPS su Borsa Italiana? Consob ammette: la riammissione dei titolo non sarà immediata.

A quando il ritorno delle azioni MPS sulla Borsa Italiana? La Consob si è recentemente espressa, per bocca del suo presidente Giuseppe Vegas, sulla riammissione delle azioni MPS alle contrattazioni, definendo il loro ritorno non immediato.

I trader sono in attesa del ritorno della quotazione del titolo Monte Paschi in borsa dopo la sospensione del 23 dicembre 2016. A svelare di più sul futuro delle azioni MPS è Vegas, davanti alla Commissione finanza di Camera e Senato la scorsa settimana.

Dopo aver rassicurato il pubblico sull’attenzione della Consob - “molto intensa” - in merito ai movimenti delle azioni MPS sull’indice di Borsa Italiana, ammette che “sono in corso indagini volte ad accertare eventuali ipotesi di abuso di mercato”.

E allora in che giorno arriverà la riapertura alle contrattazioni sul titolo di Monte Paschi dopo lo stop della Consob annunciato il 23 dicembre a seguito del fallimento dell’aumento di capitale e dall’intervento dello Stato con un salvataggio da 20 miliardi?

Azioni MPS: a quando il ritorno in Borsa? Non immediato secondo la Consob

Secondo Vegas, presidente Consob, il ritorno delle azioni MPS su Borsa Italiana non sarà immediato. Il motivo è semplice: l’autorità di regolamentazioni vuole prima che sia approvato il nuovo piano industriale e che venga creato un contesto adeguato dal punto di vista dell’informazione.

Nel dettaglio:

“Sarà possibile riammettere alle negoziazioni il titolo MPS solo una volta che, a seguito dell’approvazione del piano industriale, sarà ripristinato un contesto informativo adeguato”.

Il mercato italiano rimane attesa di un nuovo annuncio della Consob che sblocchi la situazione e risponda alla domanda su quando le azioni MPS saranno nuovamente aperte alle contrattazioni.
L’interrogativo più grande su Borsa Italiana al momento è, infatti, quando la Consob deciderà di rimuovere la sospensione e far tornare le azioni MPS libere di essere scambiate sul mercato italiano.

Già il 5 gennaio 2017, è scaduto il divieto di short (vendita allo scoperto) sulle azioni MPS ma, essendo il titolo completamente chiuso alle contrattazioni, nulla è cambiato sul mercato.
Vediamo quali sono gli scenari che si aprono ora per il trading sulle azioni MPS.

Quando le azioni MPS saranno riaperte alle contrattazioni?

Nel comunicato stampa con lui la Consob rendeva noto lo stop al trading sulle azioni MPS, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa non ha fatto alcun riferimento ad una tempistica per il ritorno del titolo di Monte Paschi al libero scambio su Borsa Italiana.
Solamente, la Consob ha definito lo stop al trading sulle azioni MPS “temporaneo”.

Contando anche oggi, sono già nove le sessioni in cui le azioni MPS sono state chiuse alle contrattazioni.

Rispondere alla domanda su quando le azioni MPS torneranno ad essere aperte alle contrattazioni, ed anche allo short, è difficile dato il contesto critico attuale.

Molto probabilmente, prima che la Consob annunci un ritorno della azioni MPS su Borsa Italiana, si dovrà prima sistemare la questione dell’aumento di capitale e comprendere nel dettaglio in che modo lo Stato interverrà e come verrà applicato il burden sharing.

Una volta definiti i dettagli del salvataggio di MPS e del suo aumento di capitale, la Consob potrebbe anche far ripartire la quotazione in Borsa e forse già con la quotazione parametrata al nuovo aumento.

Il quando le azioni MPS torneranno “tradabili”, dati questi presupposti, purtroppo non è dato saperlo.
Dopo la sospensione del titolo in borsa da parte della Consob, e non avendo il fiato sul collo generato dalla quotazione che crolla giorno dopo giorno, MPS sembra aver deciso di prendersela con molta calma.

Tuttavia, è auspicabile che la situazione della azioni MPS e del salvataggio dell’istituto senese in crisi possa essere risolta entro il mese di febbraio.
Stato e Monte Paschi non possono far aspettare gli azionisti per sempre, soprattutto dopo le numerose prese in giro degli ultimi mesi.

Intanto, gli ultimi dati disponibili sulla quotazione di Banca Monte dei Paschi di Siena, l’emblema della crisi delle banche in Italia, risalgono al 22 dicembre, con una chiusura a €15,08 - dopo aver toccato un massimo a €17 e un minimo a €14,71.