Prezzo oro: le nuove previsioni 2017. Fin dove arriverà la quotazione?

icon calendar icon person
Prezzo oro: le nuove previsioni 2017. Fin dove arriverà la quotazione?
Pubblicità

Prezzo dell’oro: le nuove previsioni 2017. Fin dove si spingerà la quotazione secondo gli analisti? Ecco cosa aspettarsi.

Prezzo dell’oro previsioni 2017 - Il prezzo dell’oro continua inesorabile la sua discesa, ma quali sono le previsioni 2017 per la quotazione?

Negli ultimi mesi il prezzo dell’oro è stato messo ripetutamente sotto pressione. Nel momento in cui Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti la quotazione del metallo prezioso è schizzata alle stelle ma, contro ogni aspettativa, ha immediatamente ripiegato ed è tornata a perdere terreno.

Le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro sono state ulteriormente aggiornate dagli analisti di Credit Suisse e le loro stime non si sono dimostrate ottimiste. Fin dove arriverà la quotazione? Secondo le ultime previsioni il prezzo dell’oro non toccherà più quota $1.438 per oncia , ma si fermerà a quota $1.338.

Come già accennato, il prezzo dell’oro è schizzato alle stelle dopo l’elezione di Trump, essendo il metallo un bene rifugio cui si ricorre in momenti di estrema incertezza. I mercati si sono dimostrati piuttosto preoccupati - almeno inizialmente - di una vittoria di Trump, ma il crollo tanto atteso non c’è stato. Ora che la situazione si è stabilizzata, quali sono le nuove previsioni 2017 sul prezzo dell’oro?

Vediamo cosa si aspettano gli analisti di Credit Suisse e della Toronto-Dominion Bank sul futuro andamento del prezzo dell’oro e vediamo fin dove potrebbe spingersi la quotazione del bene rifugio.

Prezzo oro: le nuove previsioni 2017 di Credit Suisse

Gli analisti di Credit Suisse hanno tagliato le previsioni 2017 sul prezzo dell’oro a causa di una brusca frenata che hanno subito le vendite di ETF in oro, le quali sono crollate del 7% dall’8 novembre scorso. Quella stessa notte, come già accennato, il prezzo dell’oro ha perso più dell’8%. Cosa potrebbe accentuare ancora di più il ribasso della quotazione secondo le previsioni 2017 di Credit Suisse?

Ad influenzare negativamente il prezzo dell’oro saranno sia l’aumento dei rendimenti obbligazionari sia le aspettative circa il rialzo dei tassi da parte della Fed: tutti elementi che potrebbero spingere gli investitori a stare lontani dal bene rifugio. Secondo diversi analisti, il prezzo dell’oro non sarà influenzato solo dalla Fed ma anche dalle altre banche centrali mondiali.

“Con un Qantitative Easing globale, l’investimento su beni rifugio come l’oro è diventato sempre meno appetibile”,

ha affermato Tim Enneking della Mana Companies Asset Management.
Nonostante le stime di Credit Suisse sull’intero anno siano state riviste al ribasso, le previsioni 2017 parlano ancora di un prezzo dell’oro in salita. Secondo gli analisti la quotazione toccherà quota $1.275 nel primo trimestre e quota $1.400 nell’ultimo. Previsioni complessivamente positive se si pensa che attualmente il prezzo dell’oro sta viaggiando ai minimi di febbraio a quota $1.154.

Prezzo dell’oro: le previsioni 2017 con Trump presidente

Una delle promesse più volte ribadite da Trump in campagna elettorale ha riguardato l’aumento della spesa per le infrastrutture, ma come si collega questo con le previsioni 2017 sul prezzo dell’oro?

L’ormai presidente Trump ha affermato di voler spendere più di 500 miliardi di dollari in infrastrutture e di fornire fino a 137 miliardi in crediti d’imposta per le società private che spendono su tali progetti. Secondo diversi analisti, implementare un programma del genere avrebbe come conseguenza un aumento del Pil e 200.000 nuovi posti di lavoro. Ma per quanto riguarda le previsioni 2017 sul prezzo dell’oro?

Gli stessi analisti hanno previsto che l’incremento della spesa sulle infrastrutture causerebbe un aumento del deficit, più denaro stampato, maggiore inflazione e di conseguenza un aumento del prezzo dell’oro. Questa è una delle possibili previsioni 2017 sull’andamento della quotazione con Trump.

Prezzo dell’oro con Trump: le previsioni 2017 - Toronto-Dominion Bank

Anche la Toronto-Dominion Bank si è interrogata circa le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro - il tutto prima dell’elezione di Trump. Secondo la banca non abbiamo ancora assistito all’ultimo rally della quotazione e le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro parlano di un aumento fino a quota 1.350 dollari l’oncia.

Bart Melek, della Toronto-Dominion Bank, ha affermato che le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro sono piuttosto chiare. La quotazione dapprima scenderà sotto i 1.200 dollari l’oncia - dopo l’ipotetico rialzo dei tassi Fed di dicembre - e poi risalirà fino a quota 1.350 dollari l’oncia.

Prezzo dell’oro e previsioni 2017 con Trump: effetto Fed e tassi di interesse

Un rialzo dei tassi di interesse a dicembre causerà un immediato rafforzamento del dollaro frenando così la domanda e il prezzo dell’oro, sempre secondo le previsioni di Melek - e data la correlazione che li lega. La domanda tuttavia si riaccenderà nel momento in cui i tassi di interesse reali rimarranno bassi dando nuova linfa alla competitività dell’oro. Come si inserirà Trump in tutto questo?

“Entro la fine del prossimo anno staremo testando i massimi che abbiamo osservato all’inizio del 2016”,

hanno affermato le previsioni di Malek. L’oro ha guadagnato il 25% nel primo semestre dell’anno, sia grazie al mancato rialzo dei tassi da parte della Fed, sia grazie all’incertezza causata dalla Brexit.

Prezzo dell’oro: le previsioni 2017 - Templeton Emerging Markets Group

Non solo la Toronto-Dominion Bank ha dato vita a delle previsioni 2017 relative al prezzo dell’oro. Anche Mobius, CEO della Templeton Emerging Markets Group si è occupato della questione ed anche le sue aspettative sul prezzo dell’oro si sono dimostrate rialziste, sempre prima dell’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti.

Il prezzo dell’oro salirà del 15% entro la fine dell’anno 2017 grazie alla lentezza della Fed nell’implementare le sue misure di politica monetaria sui tassi di interesse. Secondo il famoso CEO, le mosse della Fed non saranno così decise e il dollaro potrebbe anche indebolirsi. A fare la differenza saranno comunque i tassi di interesse reali che andranno ad influire sul prezzo dell’oro e sulle previsioni 2017.