Contributi IVS 2013 per artigiani e commercianti: aumenti e scadenze

di | 18 Febbraio 2013 - 15:45


L’Inps ha diffuso una circolare finalizzata ad ulteriori chiarimenti relativi alle aliquote contributive 2013 per gli artigiani e gli esercenti delle attività commerciali, con particolare focalizzazione sui contributi IVS.
Innanzitutto occorre precisare che la contribuzione IVS viene calcolata non solo sulla totalità dei redditi d’impresa che deriva dall’attività specifica, ma anche su quelli denunciati ai fini IRPEF. Il contributo IVS è inoltre rapportato ai redditi d’impresa prodotti nell’anno al quale il contributo viene riferito e il suo versamento deve avvenire tramite modello F24.
Andiamo a vedere nel dettaglio le ultime novità in merito di contribuzione IVS.

Contribuzione IVS: aumentano le aliquote

I contributi previdenziali IVS (acronimo che sta per «Invalidità, Vecchiaia e Superstiti») riferiti agli artigiani e agli esercenti delle attività commerciali e ai loro collaboratori devono essere versati dagli stessi per ogni periodi di imposta.
A quanto ha riportato l’INPS in una circolare riferita al 2013, si rende noto come le aliquote contributive per l’anno 2013 abbiano registrato un aumento dello 0,45% rispetto al 2012, arrivando dunque a quota 21,75% (anziché 21,30% come nel 2012).

Le modifiche hanno riguardato anche il minimale e il massimale di reddito: resta invariato lo sconto del 50% per gli esercenti over 65 e del 3% per i collaboratori under 21.

Resta invariato anche il contributo di 0,62 euro al mese per le prestazioni di maternità, mentre viene confermata la maggiorazione dello 0,09% per gli iscritti alla gestione dei Commercianti, relativa all’indennizzo per la definitiva cessazione dell’attività commerciale.

Contribuzione IVS: riepilogo aliquote 2013

Il quadro che si viene a presentare è dunque il seguente:

CategoriaAliquota
Artigiani 21,75%
Commercianti 21,84% Collaboratori Artigiani under 21 18,75%
Collaboratori Commercianti under 21 18,84%

Minimale e massimale di reddito: ultime novità

Per quanto riguarda le ultime novità in materia di minimale e massimale di reddito, è necessario precisare che il minimale è pari a 15.357 euro, mentre il quadro relativo al massimale è il seguente:

- Iscritti alla Gestione INPS prima del 1° genaio 1996: 75.883 euro;
- Soggetti privi di anzianità al 31 dicembre 1995: 99.034 euro;

Se il reddito d’impresa supera il minimale e arriva fino al limite di 45.530 euro, bisognerà applicare le aliquote contributive sopraccitate. Se il reddito d’impresa supera tale soglia, le aliquote contributive 2013 verranno applicate con l’aumento di 1 punto percentuale.
Il quadro che si viene a presentare è dunque il seguente:

CategoriaAliquota
Artigiani 22,75%
Commercianti 22,84%
Collaboratori Artigiani under 21 19,75%
Collaboratori Commercianti under 21 19,84%

Modalità di versamento e scadenze

Gli artigiani e i commercianti che sono chiamati al pagamento dei contributi IVS 2013 sul minimale di reddito, dovranno effettuare il versamento tramite l’apposito Modello F24 in 4 rate, che sono le seguenti:

- 16 maggio 2013;
- 20 agosto 2013;
- 18 novembre 2013;
- 17 febbraio 2014.

I soggetti che invece devono versare gli acconti dei contributi 2013 sulla quota eccedente il minimale dovranno effettuare il pagamento entro le scadenze previste per il versamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche. Le scadenze da rispettare per questi soggetti, dunque, sono le seguenti:

- 17 giugno 2013;
- 2 dicembre 2013.

Il saldo eventuale andrà poi versato al momento dell’UNICO 2014, ovvero entro il 16 giugno 2014.

Dal 1° gennaio 2013, inoltre, i soggetti interessati potranno ricevere le informazioni utili accedendo alla sezione «Servizi Online», del sito dell’INPS e recandosi alla voce «Cassetto previdenziale artigiani e commercianti», sezione «Dati del Modello F24».

Iscriviti alla Newsletter Gratuita

Riceverai nella tua casella una rassegna quotidiana dei migliori articoli.

Commenti

Inserisci il tuo commento