Il peso del super dollaro sui mercati emergenti sta per finire, ecco perché

icon calendar icon person
Il peso del super dollaro sui mercati emergenti sta per finire, ecco perché
Pubblicità

Il super Dollaro sembra aver messo k.o. i mercati emergenti, ma la situazione potrebbe cambiare ben presto. Ecco cosa succederà nei prossimi mesi.

Il rally del dollaro americano potrebbe aver succhiato l’aria per le attività dei mercati emergenti, ma i fondi torneranno per l’anno prossimo. Herald Van Der Linde, capo di HSBC per la strategia azionaria in Asia, ha dichiarato infatti venerdì scorso:

Al momento abbiamo questo forte rally del dollaro; abbiamo aspettative di inflazione che sono al di fuori degli USA ; vediamo i mercati degli Stati Uniti in un momento di estrema forza. Un sacco di quel denaro fluisce negli Stati Uniti per aspettative molto alte sulla nuova amministrazione in arrivo, ma ciò che si vede è che il rialzo comincia a mostrare un po’ di perplessità.

Il dollaro è salito sulla scia della sorprendente vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti e per le decisioni della Fed, che nel corso dell’ultima riunione, ha stabilito che i tassi di interesse, probabilmente, verranno innalzati ben tre volte per il prossimo anno.

Questo stimolo ha comportato dei deflussi pesanti sui mercati emergenti, dal momento che un dollaro più forte e più alti tassi degli Stati Uniti hanno offuscato il fascino di attività più rischiose nei paesi in via di sviluppo.

Ma Van Der Linde ha osservato che sia il rally del dollaro, che i rendimenti dei titoli statunitensi sono in fase di stallo dalla fine di dicembre, aggiungendo che non solo le aspettative per una crescita più forte degli Stati Uniti erano scontate, ma che tali aspettative sono state anche troppo alte.

In questo periodo il momentum rallenta lo slancio del dollaro e del mercato obbligazionario statunitense, penso che quello che si sta per vedere è una nuova rotazione sui mercati emergenti, ha detto Van Der Linde.
Lui stesso ha poi osservato che il ciclo commerciale è rimasto a livello globale «estremamente debole», con il protezionismo in aumento e di conseguenza ha consigliato agli investitori di essere selettivi, in particolare in Asia.

Stiamo andando a concentrarsi sui mercati in cui c’è una grande componente interna disponibile nei mercati stessi e non tanto sul ciclo di esportazione, perché il ciclo di esportazione è molto debole in tutta la regione. Dice spiegando la preferenza di HSBC per l’India, Indonesia e Cina.

Ha anche previsto che i trader farebbero bene a puntare su i dividend-yield e i beni di prima necessità, che sono stati favorevoli per gli ultimi due anni, mentre hanno perso popolarità nel corso degli ultimi mesi.

Inoltre, ha indicato agli investitori temi che non erano sensibili agli sviluppi globali e macro, come ad esempio l’inclusione finanziaria, l’automazione, i cambiamenti nei formati di vendita al dettaglio e l’industria della difesa asiatica.

Questo suggerisce di investire su banche su larga capitalizzazione in Indonesia e in India, indici di consumo selezionati, di giocare in difesa in Cina, Corea del Sud e Singapore.