Elezioni Francia: Macron supera Le Pen. Risultati, exit poll, sondaggi

icon calendar icon person
Elezioni Francia: Macron supera Le Pen. Risultati, exit poll, sondaggi

Elezioni Francia 2017: exit poll, risultati, lista candidati, ultimi sondaggi e scenari. Quando esce il risultato ufficiale? In testa Macron e Marine Le Pen.

Dopo l’inversione di rotta negli exit poll delle elezioni Francia 2017 che vedeva negli ultimi dati Marine Le Pen in testa contro il centrista Emmanuel Macron, il leader di En Marche! torna a guidare le preferenze nelle proiezioni con l’85% dei voti scrutinati.

La leader di estrema destra Marine Le Pen e Macron possono ormai dirsi i candidati vincitori del primo turno delle Elezioni in Francia nel 2017, verso il ballottaggio del 7 maggio che deciderà il nome del prossimo presidente francese. Tuttavia, le percentuali di vantaggio tra i due sono indicative nel dettare i prossimi movimenti dei mercati.

In una sfida incerta fino all’ultimo minuto, secondo gli ultimi dati disponibili Macron, ex-banchiere e ministro dell’economia pro-Unione Europea che ha fondato il suo partito solo un anno fa, è in testa.
Marine Le Pen, leader del Front National anti-immigrazione e anti-UE, è data al secondo posto.

Sebbene Macron, 39 anni, sia un novizio della politica mai eletto dal voto popolare, è sempre stato in testa nei sondaggi politici che lo vedono vincitore allo scontro finale contro la 48enne Le Pen.

Il candidato socialista - clamorosamente sconfitto - Benoit Hamon ha invitato gli elettori a votare Macron al secondo turno, stesso invito effettuato dal candidato repubblicano Francois Fillon.

Il risultato e gli exit poll delle elezioni in Francia 2017, insieme agli ultimi sondaggi pubblicati e alla lista completa dei candidati alla presidenza sono contenuti in questa guida di Forexinfo.it sulle elezioni presidenziali in Francia di quest’anno.

Elezioni Francia: exit poll e aggiornamenti in tempo reale

Macron e Le Pen sono i vincitori del primo turno delle elezioni francesi.
Sono state attive circa 67.000 seggi elettorali per circa 47 milioni di elettori aventi diritto, chiamati a scegliere tra 11 candidati.

00:10 - Risultati di Parigi: Le Pen al 5%

23:45 - Ultimi exit poll elezioni Francia: Macron al 23.6%
85% dei voti scrutinati:

  • Macron: 23.6%
  • Le Pen: 22.2%
  • Fillon: 19.8%
  • Melenchon: 19:1%

23:40 - Sondaggi ballottaggio 7 maggio: trionfo di Macron
Secondo i dati raccolti in un aggiornamento degli ultimi sondaggi, Macron vincerà contro Le Pen al ballottaggio del 7 maggio con il 62% dei voti, contro il 38% per il leader del Fronte Nazionale.

23:20 - Torna in testa Macron
In base ai dati ministeriali, dopo 33,2 milioni di voti contati Macron è in testa con il 23,4% dei voti, contro il 22,6% per Le Pen.

22:34 - Macron rilascia il suo discorso

Oggi, il popolo francese ha parlato. Mentre il nostro Paese affronta un momento senza precedenti nella sua storia, ha risposto nel migliore dei modi possibile - votando in forte numero. Ha deciso di farmi arrivare primo in questo primo turno.

A tutti coloro che mi hanno accompagnato dall’aprile del 2016, nel fondare e portare En Marche! alla vita, vorrei dirlo: nell’arco di un anno abbiamo cambiato il volto della vita politica francese.

22:20 - Le Pen ancora in testa, 28 milioni di voti contati
Gli ultimi dati del ministero degli interni, che conteggia 28 milioni di voti, danno Le Pen al 23,6%, Macron al 22,78%, Fillon al 19,69% e Melenchon al 18,43%.
Questi exit poll comprende soprattutto gruppi seggi elettorali rurali che tendono a votare a destra, mentre i risultati delle aree urbane tendenzialmente di sinistra devono ancora essere conteggiati.

21:45 - Marine Le Pen in testa
Secondo gli ultimi dati pubblicati direttamente dal ministero degli interni francese, la candidata di estrema destra Marine Le Pen ha ricevuto il maggior numero di voti dopo lo scrutinio di circa 20 milioni di schede elettorale.
La Le Pen sarebbe in testa con il 24,38% dei voti, contro il 22,19% per il centrista Emmanuel Macron.

20:30 - Vincerà Macron al secondo turno secondo i sondaggi

20:15 - Fan di Le Pen in festa, la candidata è data al secondo posto

20:08 - Primi exit poll: vincono Macron e Le Pen

Emmanuel Macron secondo i primi exit poll è in testa con il 23,7%, seguito da Le Pen con il 21,7% secondo i dati Ipsos/Sopra STeria.

20:00
I seggi sono chiusi. Inizia lo spoglio.

18:50
Il voto nei territori caraibici della Francia è indietro rispetto a quello della terraferma. Le cifre ufficiali mostrano che solo il 35 per cento dei 311.000 elettori con diritto di voto sull’isola francese di Martinica ha votato fino alle 17:00 di sabato (ora locale) a due ore dalla chiusura dei seggi.
La percentuale era ancora più bassa altrove: solo il 34 per cento in Guadalupa e il 20 per cento a Saint-Martin.

17:25
L’affluenza alle elezioni presidenziali della Francia è superiore al 69 per cento nel tardo pomeriggio, quasi quanto registrato in occasione dell’ultimo voto presidenziale.
Il ministro degli Interni ha riferito che l’affluenza ha raggiunto il 69,4%, contro il 70,6% del primo turno al voto presidenziale nel 2012.

Dopo anni di stagnazione economica e alta disoccupazione, la disillusione degli elettori è eccezionalmente elevata quest’anno, spingendo al ribasso le attese di voto.

16:00
Il primo exit poll del primo turno alle elezioni francesi, emesso dalla radio belga Rtbf, riferisce che in testa si trova Emmanuel Macron con un 24%, segue subito dopo la candidata di estrema destra Marine Le Pen con il 22%. Fillon riesce a conquistarsi il 20,5%, Jean-Luc Melenchon il 18%.


La Le Pen ha votato a Hénin Beaumont, nella Francia settentrionale, dove delle manifestanti in topless di un gruppo attivista femminista sono state arrestate prima del suo arrivo dopo essere saltate fuori da una SUV limousine indossando delle maschere di Le Pen e del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Risultati Elezioni in Francia: orari e quando escono?

Domenica 23 aprile ha luogo la prima votazione delle elezioni francesi, dalla quale verranno nominati i due candidati con più voti che si sfideranno al ballottaggio di maggio.

I risultati del primo e del secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia saranno pubblicati rispettivamente domenica 23 aprile e domenica 7 maggio a partire dalle ore 20:00 (in aggiornamento in tempo reale su questa pagina).

I risultati definitivi delle presidenziali 2017 in Francia saranno pubblicati dopo la convalida e l’annuncio da parte del Consiglio costituzionale del paese.

Il Presidente della Repubblica francese è eletto a suffragio universale diretto e rimanere in carica per un mandato di cinque anni. I diversi partiti politici nei mesi scorsi hanno scelto il loro candidato attraverso delle primarie.

Risultati elezioni Francia: le previsioni dei bookmakers

Emmanuel Macron è diventato un capofila a sorpresa queste elezioni da quando ha annunciato che avrebbe fondato con un nuovo partito chiamato En Marche! (In Marcia!).
Il partito dell’ex ministro delle finanze ha ora circa 200.000 membri, lo stesso numero dei Repubblicani. L’ex partito di Macron, i Socialisti, e il Fronte Nazionale di Marine Le Pen hanno entrambi circa 80.000 membri.

Per le agenzie di scommesse, Macron è il candidato vincitore preferito con una quota di vittoria ad 1. È lui il prescelto dai bookmakers dopo lo scandalo a sorpresa che ha travolto l’ex favorito Fillon e la sua famiglia.

Dalla tabella sottostante, un aggregatore di tutte le quote scommesse disponibili al 21/04/2017, emerge come l’evento più probabile sia oramai la vittoria del centrista Emmanuel Macron, mentre Marine Le Pen è la seconda favorita dalle agenzie di scommesse.


Macron sta beneficiando della scivolata di Fillon e dell’impatto negativo delle ultime azioni di Donald Trump sui partiti populisti europei, in questo caso a danno di Marine Le Pen.

Elezioni Francia: i candidati

I cinque candidati principali alle elezioni Francia 2017 sono, in ordine alfabetico:

Il 18 marzo 2017 il Consiglio Costituzionale ha pubblicato gli 11 nomi che hanno ricevuto 500 sponsorship valide.
La lista completa dei candidati alle elezioni francesi è la seguente:

  • Nicolas Dupont-Aignan di Debout la France
  • Marine Le Pen di National Front (FN)
  • Emmanuel Macron di En Marche! (EM!)
  • Benoît Hamon del Partito socialista
  • Nathalie Arthaud di Lutte Ouvrière
  • Philippe Poutou del Nuovo partito anticapitalista
  • Jacques Cheminade di Solidarietà e Progresso
  • Jean Lassalle di Résistons !
  • Jean-Luc Mélenchon di Unsubmissive France (FI)
  • François Asselineau dell’Unione Repubblicana Popolare (UPR)
  • François Fillon dei Repubblicani

Elezioni Francia 2017: sondaggi politici

Le Elezioni francesi si preannunciano essere una gara imprevedibile, con Emmanuel Macron bloccato in un duello con il leader dell’estrema destra Marine Le Pen, non più in cima alle preferenze per il primo turno di votazione.

Ultimi sondaggi politici sulle Elezioni in Francia del 20 aprile

I dati in tabella non tengono conto dell’attentato a Parigi avvenuto nella sera di giovedì 20 aprile, che potrebbe dare una spinta alla vittoria a Marine Le Pen. Di seguito, i dati degli ultimi sondaggi politici aggiornati al 20 aprile:

  • Macron: 23.8%
  • LePen: 22.1%
  • Fillon: 19.6%
  • Melenchon: 19%
  • Hamon: 7.6%

Il centrista Macron, ex pupillo di Francois Hollande, è ora favorito dalle agenzie di scommesse per diventare presidente, con la media degli ultimi sondaggi che mostra lui in testa di un punto rispetto alla Le Pen.
Nel frattempo, il candidato comunista Jean-Luc Mélenchon sta salendo nei sondaggi e sembra destinato a superare François Fillion al terzo posto del primo turno delle elezioni francesi.

A seguire riportiamo i sondaggi sulle Elezioni Francia 2017 del Telegraph, che monitora una media degli ultimi otto sondaggi nazionali pubblicati per il primo turno della presidenza.

È innegabile che il sistema dei sondaggi politici in generale stia affrontando un periodo di forte crisi, soprattutto dopo il fallimento nel predire i risultati del referendum Brexit e delle elezioni USA 2016.

In molti ora vedono i sondaggi politici sulle elezioni francesi 2017 con una dose extra di scetticismo. Il sistema di elezione presidenziale a due stadi tipico della Francia, con più candidati attraenti per un elettorato fortemente diviso, rende l’interpretazione sondaggi impossibile. Inoltre, maggior focus è dato al primo turno, piuttosto che al risultato finale, così da rendere complicata la lettura dei sondaggi politici.

La maggior parte dei sondaggi sulle elezioni francesi alla fine del 2016 aveva mostrato Fillon con candidato alla vittoria del posto da presidente della Francia, con un vantaggio importante sia sulla Le Pen che su Macron.

La data delle Elezioni Francia 2017

  • Primo turno: domenica 23 aprile 2017
  • Secondo turno: domenica 7 maggio 2017

La data delle elezioni in Francia nel 2017 non è una bensì due, perché sono due i turni di votazione che probabilmente saranno necessari quest’anno. La data del primo turno delle elezioni francesi cade domenica 23 aprile 2017. Se nessun candidato alla presidenza francese avrà conquistato il 50% +1 delle preferenze espresse, allora sarà necessaria la data del secondo turno delle elezioni - domenica 7 maggio 2017.

A causa del fuso orario, la data delle elezioni Francia 2017 cambia per gli elettori di Polinesia francese, Guadalupa, Martinica, Guyana, Saint Pierre e Miquelon, Saint-Barthélemy e San Martin, che andranno a votare sabato 22 aprile e sabato 6 maggio 2017 rispettivamente per il primo e il secondo turno delle votazioni.

Anche la data per le elezioni legislative sono già state stabilite:avranno luogo in seguito alla elezioni Francia 2017, l’11 e il 18 giugno 2017. Le votazioni per il Senato si terranno il 24 settembre 2017.

La data delle elezioni presidenziali è generalmente annunciata tramite un comunicato del Consiglio dei Ministri, seguito da un decreto e poi convalidato dal Consiglio costituzionale. La norma di cui all’articolo 7 della Costituzione francese è chiara: le elezioni presidenziali devono avvenire almeno 20 giorni prima della scadenza del mandato del presidente in carica.

L’elezione può verificarsi fino a 35 giorni prima della fine del mandato. Francois Hollande si è insediato il 15 maggio 2012, quindi le elezioni Francia 2017 potevano avvenire entro e non oltre il 14 maggio 2017 a mezzanotte.

Le elezioni presidenziali francesi devono avvenire di domenica secondo la legge del 6 novembre 1962, relativa all’elezione del Presidente della Repubblica e l’articolo L. 55 del codice delle elezioni.

Elezioni Francia: il favorito alla vittoria

Solitamente le elezioni in Francia vedono contrarsi principalmente un esponente conservatore dei Les Républicains ed uno del Partito socialista di sinistra.
Ma per le elezioni del 2017, la tradizione è cambiata.
Il Partito socialista di Francois Hollande è a brandelli dopo un periodo disastroso che lo ha reso uno dei presidenti meno popolari nella storia del paese.
E per i Les Republicain Francois Fillon ha dato scandalo per aver erogato stipendi su stipendi statali alla moglie per un lavoro fittizio, fattore che ha disintegrato le sue probabilità di vittoria.

Molto inchiostro è stato versato, inoltre, sulla possibilità che Marine Le Pen vinca il posto al Palazzo dell’Eliseo grazie ad un’ondata di populismo.

Solo un candidato alla presidenza del Fronte Nazionale è riuscito ad arrivare al secondo turno delle elezioni - Jean-Marie Le Pen nel 2002. Anche sua figlia Marine dovrebbe riuscirci secondo i sondaggi, ma le sue possibilità di vincere il ballottaggio rimangono basse.
Macron è emerso nell’ultimo mese come chiaro favorito alla vittoria del secondo turno al ballottaggio, ma nulla ancora è stato scolpito nella pietra.

Elezioni Francia 2017: i fatti

L’attuale capo di Stato, Francois Hollande, ha deciso di abbandonare la presidenza. Le primarie di sinistra hanno visto la vittoria di Benoît Hamon come candidato della maggioranza. Manuel Valls, favorito nei sondaggi, è stato sconfitto. L’ex ministro della Pubblica Istruzione, etichettato come ribelle, ora dovrà ritirarsi dal partito socialista e tener fede alla linea mostrata in campagna elettorale.

Dall’altro lato dello spettro politico, le primarie di destra hanno portato alla nomina a sorpresa di François Fillon come candidato presidente alla fine di novembre. L’ex primo ministro, che ha vinto contro Nicolas Sarkozy e Alain Juppé, è diventato il favorito nei sondaggi alle elezioni Francia 2017. Fillon ora deve riorganizzare il partito intorno alla sua campagna e prendere in considerazione le candidature per il legislativo.

A sinistra ha trionfato alle primarie del 29 gennaio il socialista Benoit Hamon.

In questo contesto, è il nome di Marine Le Pen quello sulla bocca di tutti i commentatori delle elezioni francesi. La guida del Fronte Nazionale, candidato ufficiale alle elezioni presidenziali dall’8 febbraio 2016, sembra essersi già assicurata un posto al secondo turno delle prossime elezioni presidenziali.

All’estrema sinistra, Jean-Luc Mélenchon è stato protagonista di una svolta alla fine di novembre e ha ottenuto il sostegno del Partito comunista. Al centro, Emmanuel Macron vuole essere il candidato del rinnovamento, mentre Francois Bayrou ormai non nasconde più le sue intenzioni di tener testa a François Fillon, il cui programma definisce “pericoloso”.


François Fillon: candidato di destra alle elezioni Francia 2017

L’UMP, divenuto Les Républicains i primi di giugno 2015, ha organizzato le sue primarie tra il 20 e il 27 novembre 2016. Il candidato selezionato alle primarie di destra, François Fillon, è diventato il leader del partito secondo il regolamento interno e porterà avanti la campagna per l’alternanza. L’ex primo ministro Nicolas Sarkozy ha superato Alain Juppé, con rispettivamente il 66,5% contro il 33,5% dei voti.

François Fillon, candidato di destra alle elezioni presidenziali in Francia del 2017

François Fillon è emerso per due volte, con un grande vantaggio sia al primo che al secondo turno delle primarie dei repubblicani alla destra e al centro alla fine del 2016. L’ex primo ministro Nicolas Sarkozy in particolare è stato eliminato al primo turno raccogliendo il 44,1% dei voti il 20 novembre 2016, superando Alain Juppé al secondo turno del 27 novembre 2016, con il 66,5% dei voti. Fino agli ultimi giorni della campagna, è stato dato come favorito come candidato repubblicano alle elezioni presidenziali francesi 2017 la coppia Sarkozy-Juppé. Pochi giorni dopo la vittoria a sorpresa di Trump alle elezioni USA 2016, Fillon è riuscito ad emergere su tutti. Il programma di François Fillon, «radicale» e «difficile», è un «prendere o lasciare» secondo le parole del candidato. Apertamente liberale e conservatore, si propone di «liberare l’economia, ristabilire l’autorità dello Stato e affermare i valori della Francia».

I candidati di destra perdenti
Favorito per quasi 2 anni, Alain Juppé è crollato contro François Fillon, ottenendo solo il 28,6% dei voti al primo turno e il 33,5% al secondo. Il sindaco di Bordeaux iniziato la campagna, anche se ufficialmente ha supportato François Fillon. Nicolas Sarkozy, capo eletto del partito con il 64,5% a novembre 2014, ha ottenuto solo il 20,7% dei voti al primo turno. In un discorso nella sera della sua schiacciante sconfitta, ha dato anche lui il suo sostegno a François Fillon, anticipando un ritiro dalla vita politica.
Nathalie Kosciusko-Morizet ha ricevuto solo il 2,6% dei voti, ma ha fatto meglio di Bruno Le Maire, che, con il 2,4% dei voti, ha completamente perso la sua scommessa di arrivare in testa al trio vincente che sarebbe passato al secondo turno delle primarie.

I candidati di sinistra alle elezioni Francia 2017

Secondo i risultati delle primarie di sinistra del 29 gennaio 2017, il candidato per la fazione politica è Benoit Hamon - il prescelto del Partito Socialista. Il candidato presidenziale alle primarie di sinistra ha vinto con oltre il 58% dei voti contro Manuel Valls.

Benoit Hamon, candidato alle elezioni presidenziali in Francia nel 2017

Il questo nuovo candidato alle elezioni presidenziali dovrà ora lavorare, e molto, dato che il candidato del PS è ormai dato 4° o 5° al primo turno nei sondaggi. Oltre ai sostenitori di Manuel Valls, anche altri sembrano riluttanti, più propensi a votare i centristi Emmanuel Macron e Jean-Luc Mélenchon.

Il candidato dissidente: Emmanuel Macron

Il candidato del Partito socialista si troverà ad affrontare un grande ostacolo. L’ex pupillo di François Hollande, Emmanuel Macron, che è stato suo consigliere all’Eliseo e suo ministro dell’economia, ha reso nota la sua candidatura alla presidenza lo scorso 16 novembre.

Emmanuel Macron, candidato alle elezioni presidenziali in Francia nel 2017

Macron si è categoricamente rifiutato di passare per le primarie, nonostante le richieste insistenti di Jean-Christophe Cambadélis. Candidato «anti-sistema» (leggi anti-partito), Emmanuel Macron vuole incarnare un nuovo ottimismo e «portare una rivoluzione democratica.» "Voglio una Francia che creda nella sua fortuna, che è intraprendente e che considera i più deboli", ha insistito l’ex ministro.

Marine Le Pen: candidato di estrema destra alle elezioni Francia 2017

Confermata con un plebiscito alla fine di novembre 2014, la guida del FN spinta dagli ottimi risultati delle ultime elezioni locali, Marine Le Pen, sembra ormai lanciata verso la qualificazione al secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia 2017.

Marine Le Pen, candidato alle elezioni presidenziali in Francia nel 2017

Il leader del Fronte Nazionale è diventata ufficialmente candidata alle elezioni in Francia l’8 febbraio 2016 su TF1. Il successo del suo partito alle comunali e alle europee, al Senato, e infine alle dipartimentali e alle regionali nel 2015, dove il Fronte Nazionale ha moltiplicato il numero dei suoi elettori, preoccupa anche i candidati più favoriti alla presidenza.

Elezioni Francia 2017: link di approfondimento