Leopolda 2015: programma, ospiti e grandi assenti

icon calendar icon person
Leopolda 2015: programma, ospiti e grandi assenti

Leopolda 2015 in corso a Firenze: ecco il programma del week end, gli ospiti e i grandi assenti. Matteo Renzi e Maria Elena Boschi interverranno domenica.

Leopolda 2015 in corso a Firenze: la convention politica dell’ex rottamatore è giunta alla sua sesta edizione, forse quella più difficile da gestire.
Matteo Renzi non è più una promessa ruspante della nuova (?) politica ma il Presidente del Consiglio, leader di una nuova generazione di politici 2.0.
La sesta edizione della Leopolda 2015 è iniziata ieri e proseguirà oggi 11 dicembre 2015 e domani 12 dicembre 2015.

Ecco nel dettaglio programma, ospiti e grandi assenti della Leopolda 2015.

Leopolda 2015: programma 11 e 12 dicembre 2015

Dopo la giornata di apertura di ieri, oggi 11 dicembre 2015 il programma della Leopolda 2015 prevede due sessioni: la prima dalle 9.30 alle 13.00 e la seconda dalle 14.00 alle 20.00.
Proprio per oggi sabato 11 dicembre 2015 sono previste le novità più attese della Leopolda 2015, testimoni della «buona azione» del Governo Renzi ci saranno infatti:

  • l’insegnante precario che è stato assunto grazie alla riforma «La Buona Scuola»;
  • il diciottenne che dirà come spenderà i 500 euro della Legge di Stabilità;
  • la giovane coppia che ha diritto alla maternità pagata grazie ai fondi stanziati dal Governo;
  • il responsabile del museo che ha ricevuto l’art bonus.

Previsti poi gli interventi di quattro ministri, ancora sconosciuti. Si vocifera della possibile presenza di Padoan, Poletti, Franceschini e Madia che "risponderanno a un question time molto speciale con modalità innovative e divertenti”, come scrive Matteo Renzi nella sua ultima E-news, alle domande dei leopoldini.

Per domenica 12 dicembre 2015 la Leopolda 2015 si concluderà con una sessione mattutina dalle ore 9.30 alle ore 13.00. Proprio per domenica 12 dicembre 2015 è atteso l’intervento di Maria Elena Boschi sulle riforme intraprese dal Governo; la chiusura sarà ovviamente affidata al premier Matteo Renzi.

Leopolda 2015: ospiti e grandi assenti

Tra gli ospiti attesi per la kermesse renziana di questo week end ci sono politici, sportivi e gente del mondo dello spettacolo.
La Leopolda 2015 si annuncia, infatti, ricca di «personaggi positivi».
Tra gli ospiti più attesi ci saranno le tenniste vincitrici delle finali degli Open Usa 2015 Flavia Pennetta e Roberta Vinci (protagoniste involontarie dell’ultima polemica sui voli di Stato di Renzi), Fabiola Gallotti (dal 2016 dirigerà il Cern di Ginevra), Filippo Grandi (dal 2016 guiderà l’Alto commissariato per i rifugiati dell’Onu), Davide Serra (finanziere), Pierfrancesco Diliberto ("Pif") e Antonio Campo Dall’Orto (direttore generale della RAI).
Quest’ultima presenza ha scatenato varie polemiche circa l’opportunità politica che un dirigente RAI possa partecipare ad un convegno non di partito ma incentrato esclusivamente sulla figura del premier.
Tra i grandi assenti spiccano Federica Pellegrini e Samantha Cristoforetti, impossibilitate a partecipare per via di «altri impegni». Forse non farà notizia l’assenza di una larga parte dei dirigenti dello stesso PD.

Leopolda 2015: che senso ha?

Con il termine «Leopolda» viene indicato un convegno di carattere politico ideato e lanciato da Matteo Renzi a partire dal 2010, che si svolge ogni anno tra ottobre e dicembre, a Firenze, presso l’ex stazione Leopolda.
Nei primi anni, quando Renzi era sindaco di Firenze, la Leopolda ha rappresentato un vero e proprio comitato elettorale renziano.
In particolare, le edizioni 2012 e 2013 chiusero la campagna elettorale delle primarie PD in cui Renzi perse prima contro Bersani, rifacendosi l’anno dopo contro Cuperlo e Civati (vittoria che due mesi più tardi lo catapultò a Palazzo Chigi).
Oggi, tuttavia, Renzi è segretario del PD e Presidente del Consiglio, che senso ha la Leopolda 2015?
Probabilmente si tratta della necessità di rimarcare l’idea politica di Renzi: l’idea di un partito nazionale fluido, smart e cool. Un partito lontano dalla vecchia idea di simboli, bandiere e loghi, ma attento soprattutto a immagine e sondaggi.