Istat: disoccupazione in aumento a novembre. Deluse tutte le attese

icon calendar icon person
Istat: disoccupazione in aumento a novembre. Deluse tutte le attese
Pubblicità

Appena rilasciati dall’Istat i dati sulla disoccupazione italiana nel mese di novembre. Ecco cosa è emerso dal report.

Istat: disoccupazione Italia - Appena rilasciati dall’Istat i dati sulla disoccupazione italiana nel mese di novembre, come si può osservare sul nostro Calendario Economico.

La disoccupazione dell’Italia è aumentata a novembre ed è passata dall’11,8% (rivisto oggi da 11,6%) all’11,9%.

Disattese dunque le previsioni degli analisti i quali avevano previsto un tasso mensile di disoccupazione italiano all’11,6%. Di seguito è possibile leggere tutti i dettagli del report Istat sulla disoccupazione italiana.

Italia: disoccupazione in aumento. I dati Istat

Secondo quanto riportato dal report Istat sulla disoccupazione italiana, la stima dei disoccupati a novembre è aumentata dell’1,9%, ossia di 57 mila unità. Tale incremento, secondo l’Istat, è attribuibile sia agli uomini che alle donne e si è distribuito tra tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni. Come già accennato, poi, il tasso di disoccupazione dell’Italia si è assestato all’11,9%.

Istat su disoccupazione Italia: gli altri dati del report

Sempre secondo quanto riportato dall’Istat, a novembre la stima degli occupati è cresciuta dello 0,1%, ossia di 19 mila unità rispetto ad ottobre. L’aumento ha riguardato in modo più ampio le donne e gli over 50. A novembre sono poi aumentati sia i dipendenti permanenti che gli indipendenti, mentre sono diminuiti i lavoratori a termine. Il tasso di occupazione è aumentato dello 0,1% a quota 57,3%.

Osservando il trimestre settembre-novembre, l’Istat ha fatto notare un lieve calo dello 0,1% degli occupati rispetto al trimestre precedente. Il calo ha riguardato gli uomini, le persone tra i 15 e i 49 anni e i lavoratori dipendenti. Crescita, invece, per le donne e gli over 50. Sempre nel trimestre settembre-novembre al calo degli occupati si è accompagnata una crescita dei disoccupati del 2,4% e un calo delle persone inattive dello 0,6%.

La maggiore partecipazione al mercato del lavoro, sia in termini di occupati che di persone in cerca di lavoro, è stato correlato dall’Istat al calo della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni. La diminuzione ha interessato uomini, donne e tutte le classi di età. Il tasso di inattività è sceso al 34,8%.

Infine, su base annua, l’Istat ha confermato la tendenza all’aumento di occupati che sono cresciuti dello 0,9% rispetto a novembre 2015. La crescita è stata determinata soprattutto dai lavoratori dipendenti a +193 mila unità e ha riguardato sia le donne che gli uomini, mentre si è concentrata solo tra gli ultracinquantenni. Sempre su base annua, secondo il report Istat, i disoccupati sono aumentati del 5,7% e gli inattivi sono invece diminuiti del 3,4%.

CG