Canale discendente su cambio euro-dollaro: come sfruttarne la rottura?

icon calendar icon person
Canale discendente su cambio euro-dollaro: come sfruttarne la rottura?
Pubblicità

Come operare nel caso in cui ci si trovi di fronte alla rottura di un canale discendente? Analizziamo il caso pratico sul cambio euro-dollaro

Osservando un grafico in cui il trend è ben definito è possibile, congiungendo due massimi crescenti o decrescenti ottenere una trendline che funge da resistenza ai prezzi. Allo stesso modo, se a congiungersi fossero i due minimi opposti, la trendline risultante fungerebbe da supporto. Tale linee, se viste nel complesso del grafico non sarebbero più due semplici trendline a sé stanti, ma un canale ben definito dei prezzi.

Vediamo un esempio pratico sul cambio euro-dollaro.

Le linee risultanti dal congiungimento dei massimi e minimi decrescenti formano supporti e resistenze dinamiche che limitano i prezzi all’interno di un’area ben definita, cioè definiscono il trend all’interno di un evidente canale.

I trader spesso evidenziano tali livelli per cercare punti di ingresso o uscita dal mercato visto che i prezzi tendono ad oscillare all’interno del canale, fino a prova contraria. Come si può notare dal grafico infatti, i prezzi tendono ad invertire la direzione in concomitanza dei livelli evidenziati dalle trendline.

Come riconoscere un canale?

Man mano che il grafico si forma andremo ad evidenziare i massimi consecutivi formati dai prezzi. Una volta evidenziati i primi due massimi andremo a tracciare la trendline ribassista che fungerà da limite superiore del canale. Dopo aver tracciato la trendline andremo semplicemente a disegnare la sua parallela e la faremo passare per il minimo che nel frattempo si sarà formato tra i due precedenti massimi. Il risultante sarà un perfetto canale in cui i prezzi tenderanno ad oscillare. In questo modo avremo l’aspettativa che una volta raggiunto il limite inferiore del canale i prezzi invertiranno la direzione portandosi sul limite superiore. Ovviamente questo susseguirsi di massimi e minimi su livelli predefiniti non potrà durare in eterno.

Possiamo notare dal grafico infatti che nel momento in cui si sarebbe dovuto formare il quarto minimo i prezzi hanno rotto violentemente al ribasso il limite inferiore del canale. In seguito alla rottura sono poi arrivate le prime prese di profitto riportando le quotazioni a testare il limite inferiore del canale. Al test i prezzi hanno reagito negativamente riprendendo a scendere, tale movimento prende il nome di pullback.

Proprio tale livello di tenuta della trendline ed il formarsi del pullback indica ai trader il livello di entrata short. L’entrata a mercato ovviamente non sarebbe avvenuta nel caso in cui la trendline non avesse contenuto il rialzo dei prezzi i quali sarebbero tornati all’interno del canale.