Borse europee oggi: Piazza Affari la migliore grazie Mediaset e banche

icon calendar icon person
Borse europee oggi: Piazza Affari la migliore grazie Mediaset e banche

Borse europee oggi: Piazza Affari la più positiva grazie a Mediaset, Francoforte e Parigi in lieve rialzo. Il governo italiano vara il decreto Salvarisparmio a sostegno di Mps e delle altre banche.

Borse europee positive oggi, dopo l’ok del governo italiano alla relazione con cui sarà chiesto al Parlamento di finanziare a debito le ricapitalizzazioni precauzionali di Mps e delle altre banche in difficoltà.

Al momento l’indice FTSE MIB si muove a +0,73% a quota 19.107,50 punti, mentre il DAX guadagna lo 0,21% a quota 11.450,40 punti. In rialzo anche Londra (-0,36%) che si porta a 7.042,50 punti, mentre Parigi fa +0,50% a 4.846,80 punti.

Sul listino milanese vola il titolo Mediaset (+22% a quota 4,394 euro per azione). E’ di ieri la notizia secondo cui Fininvest (la holding della famiglia Berlusconi, azionista di maggioranza dell’azienda di Cologno Monzese) si è rivolta alla Consob contro la scalata “ostile” della francese Vivendi sul Biscione. La società di Vincent Bolloré è al 20% di Mediaset ma non intende fermarsi qui: i transalpini ora infatti puntano al 30%.

Piazza Affari oggi: bene le banche

Tra i titoli bancari più positivi troviamo Bpm (+3,80% a quota 0,3847 euro per azione) e Banco Popolare (+3,90% a quota 2,450 euro). Bper fa +2,08%, mentre Banca Mediolanum guadagna l’1,92%. Vola UBI Banca (+5,22%), mentre Unicredit si porta a +1,97%.

L’istituto di Piazza Aulenti - che ha recentemente presentato il suo nuovo piano industriale al 2019 - è chiamato a varare entro marzo un maxi aumento di capitale da 13 miliardi di euro. Operazione che sale a 20 miliardi se si tengono in considerazione le risorse incamerate grazie alle cessioni della controllata polacca Bank Pekao, del 30% di Fineco e dell’asset manager Pioneer.

Il titolo Mps vira in negativo e attualmente cede l’1,72% a quota 18,30 euro per azione. Ieri la banca di Rocca Salimbeni ha dato il via all’aumento di capitale sul mercato. Il fabbisogno del Monte dei Paschi di Siena ammonta a 5 miliardi di euro.

I crediti in sofferenza da cedere sono pari a 27,7 miliardi. Dalla conversione volontaria dei bond subordinati in azioni è stato già racimolato un miliardo di euro. Il 21 dicembre terminerà l’offerta di scambio obbligazioni-azioni, mentre la deadline dell’aumento di capitale è fissata per il giorno successivo.

Qualora dovesse fallire la ricapitalizzazione sul mercato, il governo ha già pronto uno schema di intervento pubblico a scopo precauzionale che prevede l’istituzione di un fondo da 20 miliardi complessivi a sostegno delle ricapitalizzazioni di Mps e di altre banche come le due venete (Popolare di Vicenza e Veneto Banca), Banca Carige e - all’occorrenza - le good bank (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFe).

Piazza Affari oggi: gli altri titoli da monitorare

Sempre sul FTSE MIB si muovono in territorio positivo Italgas (+1,80%), Telecom Italia (+0,91%) e FCA (+1,17%). Il gruppo automobilistico italo-americano ha recentemente festeggiato i dati relativi alle vendite di novembre, mese in cui FCA ha messo a segno un risultato migliore di quello raggiunto dal mercato.

Tra i titolo in rosso troviamo invece Recordati (-1,60%), Campari (-1,50%) e S. Ferragamo (-1,38%).

Lo spread tra Btp e Bund è in rialzo del 3,30% a 159.60 punti.