Azioni da comprare nel 2017: ecco tutti i titoli da tenere d’occhio

icon calendar icon person
Azioni da comprare nel 2017: ecco tutti i titoli da tenere d'occhio
Pubblicità

Azioni da comprare nel 2017: ecco gli 8 suggerimenti di Banca Imi e le preferenze espresse da Equita Sim.

Azioni da comprare nel 2017: ecco tutti i titoli da tenere d’occhio - In una nota pubblicata a fine dicembre, Equita Sim ha analizzato i titoli best picks 2017. Per quanto riguarda l’indice FTSE MIB, il broker ha inserito nella sua lista dei preferiti: ENI, FinecoBank - di cui ha anche alzato il prezzo obiettivo da 5,7 a 6 euro -, Ferrari, Luxottica e Telecom Italia.

Tra i titoli esteri, gli analisti della banca d’investimento consigliano Henkel, Merck, Ontex, Tui e Wirecard. Tra le mid-small cap italiane, invece, la Sim punta su Anima Holding (rating buy e target price a 5,6 euro), Brembo (rating buy e prezzo obiettivo a 61 euro), Interpump, OVS e Technogym.

Il 2017 sarà l’anno del Made in Italy, anche se a livello macro la crescita del Paese si confermerà piuttosto bassa. Lo sostiene Banca Imi, l’istituto bancario di investimento del gruppo Intesa Sanpaolo, che ha stilato la lista delle azioni su cui puntare quest’anno. I titoli scelti da Banca Imi sono quelli di:

  • Anima Holding
  • Autogrill
  • Diasorin
  • Eni
  • Ferrari
  • FCA
  • Generali
  • Unicredit

Azioni da comprare nel 2017: il contesto economico

Secondo il broker, a fronte di una crescita del Pil italiano che nel 2017 dovrebbe confermarsi intorno all’1%, queste società approfitteranno di una serie di fattori positivi negli Stati Uniti: dollaro forte, speranza di una politica fiscale favorevole da parte dell’amministrazione Trump, recupero del prezzo del petrolio e, in prospettiva, fine della politica accomodante della Federal Reserve, con un progressivo rialzo dei tassi di interesse.

Occhio anche alla Russia, che l’anno prossimo dovrebbe mettere a segno una crescita superiore rispetto al 2016 grazie anche al rialzo del prezzo dell’oro nero. La minore pressione sul tema sanzioni, inoltre, non potrà che favorire i titoli del Made in Italy.

Azioni da comprare nel 2017: le motivazioni di Banca Imi

Gianpaolo Trasi, capo della ricerca azionaria e sul credito di Intesa Sanpaolo, spiega perché nel 2017 bisogna puntare su queste azioni:

“Quest’anno puntiamo sul Made in Italy, sulle eccellenze che esportiamo (quindi Diasorin, Fca, Ferrari) e nonostante quello che abbiamo visto nel 2016 e nonostante il 2017 sarà un anno elettorale in Europa, in Italia c’è un sistema industriale che continua a fare bene. Le nostre top sono tutte large cap perché crediamo nel recupero dei mercati azionari e molte oggi sono sottovalutate se confrontate con i competitor europei e mondiali”.

Trasi sostiene che la strada del rialzo dei tassi di interesse potrebbe presto essere intrapresa anche nel Vecchio Continente. Per questo Banca Imi inserisce nel portafoglio titoli finanziari come Anima e Generali, leader del settore assicurativo.

La presenza di Unicredit tra le 8 top picks è motivata dalla fiducia riposta dal broker in una rapida soluzione della crisi del sistema bancario italiano.

L’unico punto interrogativo resta la politica italiana, con i rischi legati all’instabilità. Sempre Trasi afferma:

“Crediamo che le azioni italiane offrano un upside per il 2017 sotto diversi aspetti: come un 13% di sconto sul p/e a 15 anni medio e un interessante Peg (la crescita del p/e). Il grande ‘se’ rimane la politica italiana, per le probabilità in aumento di elezioni anticipate dopo il recente referendum, che potrebbero riportare l’Italia sulla strada della normalità, Erp (premio al rischio) intorno alla media sui 15 anni del 6,5% (+32% dell’indice) o riportare l’Italia nella situazione del 2013 (Erp sul 9% o -12% per l’indice. Considerando una probabilità del 50/50, il bilanciamento porta a un rialzo del 10% per le azioni italiane nel 2017”.