Azioni Ford +3.87%: a Trump e al mercato piace il No alla produzione in Messico

icon calendar icon person
Azioni Ford +3.87%: a Trump e al mercato piace il No alla produzione in Messico

Azioni Ford in gran rialzo, il mercato accoglie il No alla produzione in Messico e la creazione di nuovi 700 posti di lavoro negli Stati Uniti. Il presidente Trump apprezza.

Ancor prima di entrare ufficialmente nella Casa Bianca, Donald Trump ha già creato nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti. La Ford Motor Company ha annunciato martedì che cancellerà il progetto industriale da $1.6 miliardi previsto in Messico, investendo invece $700 milioni nel valorizzare la sua fabbrica in Michigan, sposando in modo diretto le politiche pro-crescita sostenute da Donald Trump.

Il 2016 è stato un anno sottotono per le azioni della Ford Motor, ma nel primo giorno di negoziazione del 2017 il titolo Ford ha chiuso in rialzo del 3.87%.

Il mercato sembra aver apprezzato molto l’annuncio della Ford sulla cancellazione del progetto per un nuovo impianto di produzione da 1.6 miliardi di dollari in Messico. In sostituzione, la società automobilistica si dedicherà all’espansione della sua fabbrica già esistente in Michigan, creando 700 nuovi posti di lavoro.

"Invece di portare posti di lavoro e ricchezza altrove, l’America diventerà un grande magnete del mondo per l’innovazione e la creazione di occupazione"

ha subito twittato Trump a commento della notizia.

In precedenza, Trump era stato critico nei confronti dei piani della Ford di produrre in Messico. Dopo l’annuncio della Ford, Trump ha twittato un post su Instagram dove commenta la decisione e annuncia:

"Stiamo prendendo questa decisione in base a ciò che è giusto per il nostro business",

ha commentato il CEO di Ford Mark Fields.

Il CEO della compagna, Mark Fields, si è incontrato con il presidente neoeletto Donald Trump e il vicepresidente Mike Pence nella giornata di martedì. Fields ha riferito che Trump e Pence erano “molto contenti” della notizia e di aver apprezzato il piano di investimento da 700 milioni nell’impianto operativo nel Michigan e di assunzione di 700 nuove risorse.

"La nostra casa è qui negli Stati Uniti ed è davvero importante per noi essere forti e attivi qui nella nostra casa e costruire sopra gli investimenti e la creazione di lavoro che siamo stati in grado di produrre nel corso degli ultimi cinque anni",

ha detto Fields.

Secondo il CEO di Ford, il motivo principale dietro la decisione dell’azienda di eliminare il piano per la fabbrica ci sarebbe un calo della domanda per la produzione di auto di piccole dimensioni.

"La ragione principale per non costruire l’impianto e annullare il progeto in Messico è solo a causa della domanda del mercato",

ha detto il CEO di Ford.