Sondaggi politici: ecco chi continua a diffonderli

di | 17 Febbraio 2013 - 18:30


Come sappiamo per legge non è più possibile diffondere sondaggi sull’andamento delle elezioni politiche 2013.

Non tutti però sono d’accordo: basta pensare alla polemica de il Giornale che ha deliberatamente sfidato il divieto, pubblicando alcune percentuali: secondo tale testata, infatti, dietro al blocco dei sondaggi esisterebbe una vera e propria strategia della sinistra, volta a tacere la progressione nella corsa ai consensi del centro destra.

Anche altre personalità del mondo dell’informazione hanno espresso la propria contrarietà ad una simile situazione mentre in rete svariati siti hanno aggirato il divieto utilizzando alcuni escamotage anche molto simpatici.

Vediamoli insieme.

JPEG - 27.8 Kb

Il divieto e chi lo ha aggirato

Le elezioni sono dietro l’angolo, ma nessuno può più pubblicare sondaggi.

Questo non significa che non se ne facciano o che nessuno possa consultarli.

I partiti ad esempio continuano a commissionarli e consultarli e i giornalisti continuano a poterli visionare, ma nessuno è autorizzato a diffonderli al grande pubblico.

Questa situazione è paradossale di per se dato che crea uno squilibrio tra la maggioranza della popolazione, che resta all’oscuro dei dati ufficiali, e una fetta ristretta che può accedervi liberamente.

Il tutto motivato dal pericolo che le percentuali possano influenzare il voto dei cittadini.

C’è chi non condivide un simile pregiudizio o semplicemente ritiene che il diritto all’informazione sia prioritario.

Qualunque sia il motivo che li spinge a farlo, esistono siti in cui è possibile consultare i sondaggi politici e si continua a diffonderli.

Ecco qui due dei principali siti: Youtrend.it e NotaPolitica.it

  • Youtrend.it continua a diffondere le informazioni relative ai sondaggi utilizzando un linguaggio metaforico mutuato da quello relativo al Conclave. Ecco quindi che i maggiori leader sono paragonati a Vescovi, Cardinali e Camerlenghi che corrono per l’elezione a Papa, cioè a Presidente del Consiglio.
  • NotaPolitica.it strizza invece l’occhio agli appassionati di ippica ed ecco i nostri candidati alla presidenza venir rappresentati come cavalli, fantini e scuderie impegnati in una lunga corsa sulle piste d’equitazione.

Consultando entrambi i siti, potrebbe insorgere qualche confusione prima di capire chi sia esattamente “Pier le smacchiateur” o il “Camerlengo di Genova” ma con un po’ di attenzione sarà possibile identificarli agevolmente.

Iscriviti alla Newsletter Gratuita

Riceverai nella tua casella una rassegna quotidiana dei migliori articoli.

Commenti

Inserisci il tuo commento
Quotazioni in tempo reale
EURUSD -
GBPUSD -
EURCHF -
USDJPY -
XAUUSD -
Migliori BrokerForex e CFD
Tags