Modello F24 Elide per le imposte di locazione e affitto: tutte le novità in vigore dal 1° febbraio

di | 7 Gennaio 2014 - 18:08

I tributi relativi alla registrazione di contratti di locazione e affitto dovranno essere versati utilizzando il Modello F24 Elide. Ecco la guida



Dopo il divieto di utilizzo di denaro contante, arrivano nuove novità relative ai contratti di locazione e di affitto.

L’Agenzia delle Entrate ha diramato oggi le nuove istruzioni relative alla modalità di versamento delle somme dovute per registrare contratti di locazione e affitto di beni immobili. Gli adempimenti sono stati semplificati mediante un provvedimento direttoriale che stabilisce che, a partire dal 1°febbraio 2014, i tributi correlati alla registrazione potranno essere assolti utilizzando il Modello 24 Elide (F24 versamenti con elementi identificativi).

Ma vediamo più nel dettaglio di cosa si stratta.

F24 Elide: quali sono i tributi correlati?

La direttiva diramata dall’Agenzia delle Entrate amplia il raggio d’azione del modello di pagamento F24 Elide che, a partire dal 1°febbraio 2014, potrà essere utilizzato per versare tutti le imposte relative alla registrazione di contratti di locazione e affitto. Ci riferiamo in particolare a:

  • imposta di registro,
  • tributi speciali,
  • compensi,
  • imposta di bollo,
  • sanzioni,
  • interessi.

Per reperire il modello, basterà collegarsi al sitowww.agenziadelleentrate.gov.it e cliccare sulla sezione “Strumenti – Modelli”. In alternativa, ma solo dal 1° aprile 2014, sarà possibile recarsi presso sportelli bancari, poste e agenzie di riscossione.

F24 Elide: partite IVA

Per versare le imposte correlate alla registrazione di contratti di locazione e affitto, i soggetti titolari di partite IVA potranno presentare il modello F24 Elide utilizzando solo ed esclusivamente la modalità telematica (servizi online dell’Agenzia o quelli del sistema bancario e postale), direttamente o tramite intermediari abilitati.)

F24 Elide: senza partita IVA

I soggetti non titolari di partita IVA, a differenza di quanto detto in precedenza, possono utilizzare due differenti modalità:

  • modalità telematica;
  • Sportelli bancari, Poste italiane e agenti della riscossione.

Periodo di transizione

Previsto un anno di transizione che scadrà il 31 dicembre 2014. Fino a quella data i cittadini potranno effettuare i versamenti utilizzando il Modello F23.

Dal 1°gennaio 2015 invece diventerà obbligatorio l’utilizzo del modello di pagamento F24 Elide.

Si specifica infine che i pagamenti richiesti a seguito di atti emessi dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate sono effettuati esclusivamente con il tipo di modello di pagamento allegato o indicato nell’atto stesso

Iscriviti alla Newsletter Gratuita

Riceverai nella tua casella una rassegna quotidiana dei migliori articoli.

Commenti

Inserisci il tuo commento